Vai al contenuto

Come supportare emotivamente i bambini durante la quarantena

La situazione attuale non è facile per i bambini e i loro genitori. Soprattutto per i genitori, poiché al loro elenco regolare di ansie e paure si sono aggiunti nuovi punti. Si sta accumulando tutto: cosa accade se uno dei membri della famiglia si ammala all’improvviso, cosa succede se mi ammalo io, come garantire la sicurezza di tutti, come non perdere il mio reddito, cosa dire ai bambini, come funzionerà questo apprendimento a distanza , cosa fare con i bambini durante le vacanze forzate mentre sono rinchiusi e dozzine di altre domande e ansie diverse, che sciamano nella testa come api in un alveare.

Un virus è la personificazione di una delle paure più complesse per qualsiasi persona, perché è un nemico invisibile, incorporeo; non può essere visto o toccato. Che lo si voglia o meno, le nostre menti, in comunione con l’ansia, gli danno i poteri più incredibili. La paura dell’ignoto si amplifica, grazie al fatto che non abbiamo istruzioni chiare e garanzie di sicurezza. E poi, proprio come nel Medioevo, le superstizioni, i complotti, le speculazioni e le fantasie più spaventose si mettono in azione ​​nella mente delle persone.

Sai quali sono i film più spaventosi? Non quelli in cui il killer salta fuori con un coltello, o quelli in cui ci mostrano un mostro terribile mostro, ma quelli in cui vediamo solo un’ombra e la nostra immaginazione riempie gli spazi vuoti. Un virus poco conosciuto che circola per tutto il pianeta è la stessa ombra. È qualcosa che mette in allarme gli adulti e questi, inavvertitamente, trasmettono la loro ansia ai bambini, perché ciò che viene detto ad alta voce conta meno di ciò che i bambini possono leggere dal tono di voce, dalle emozioni e dal comportamento.

Ecco perché, allo scopo di mantenere un ambiente sano a casa, è necessario iniziare da sé stessi. Indossa una maschera, poi falla mettere a tuo figlio, come su un aereo. Se stai bene tu, anche lo stato psico-emotivo dei tuoi figli non ne risentirà.

Inizia analizzando le tue paure e le tue ansie. Prima di tutto, evidenzia ciò che puoi veramente controllare: garantire le misure di sicurezza necessarie (tutto ciò che l’OMS raccomanda), metterti in quarantena se necessario.

Limita il flusso di informazioni online che sta sovraccaricando il tuo sistema nervoso in ogni momento: leggi solo le fonti comprovate e misura attentamente la quantità di informazioni che leggi. Non lasciarti coinvolgere dalle discussioni su eventuali teorie sull’origine del virus e sugli argomenti del tipo “moriremo tutti”. Quando possibile, prova a vivere una vita normale, ma prendi in considerazione le nuove misure temporanee dettate dalla sicurezza.

In tutta questa situazione, i bambini guardano innanzitutto i loro genitori e traggono le loro conclusioni su ciò che sta accadendo, in base a ciò che vedono. Ricorda che non è solo quello che dici che è importante, ma anche come lo dici: i bambini osservano le emozioni e il comportamento degli adulti per capire come gestire le proprie emozioni nei momenti difficili.

Ecco perché è importante per gli adulti stessi mantenere l’equilibrio emotivo e prendersi cura di sé stessi. Nell’articolo precedente, abbiamo parlato di come comunicare coi bambini e cosa dire. Ecco alcune altre cose da tenere in considerazione:

  • I bambini, soprattutto i più piccoli, tendono ad attribuire la colpa di qualsiasi cosa a sé stessi. Assicurati che il bambino non pensi che la quarantena sia una punizione e che sia responsabile di qualcosa.
  • Se il bambino ha iniziato a temere il coronavirus perché ha sentito alcune informazioni inquietanti in TV o ha letto qualcosa su Internet, è necessario aiutarlo a esprimere i suoi sentimenti. A volte, partecipare ad attività creative, come giocare o disegnare, può semplificare questo processo. In questo caso è utile anche una discussione aperta con il bambino sulla situazione.
  • Se noti che il bambino prende troppo a cuore ciò che sta accadendo, che è preoccupato e ansioso, potrebbe avere senso limitare il flusso di informazioni, prevenire lo sfondo costante di notizie televisive o radiofoniche in cui si trova il bambino, per monitorare ciò di cui si parla in famiglia e come lo si fa.
  • I bambini possono anche preoccuparsi delle conseguenze della quarantena stessa. Ad esempio, gli adolescenti potrebbero essere preoccupati del fatto che la preparazione agli esami di stato sia interrotta. In questo caso, devi assolutamente parlare con loro, rassicurarli, aiutare a elaborare un piano di esercitazioni da utilizzare a casa. L’ozio può far perdere per strada, mentre il coinvolgimento consapevole nell’attività aiuta a far fronte allo stress.

Risolvi le difficoltà nelle relazioni: ora non è il momento di “dare una lezione” o introdurre nuove restrizioni per i bambini, se non erano giù in atto precedentemente. Ci sono abbastanza cose nuove in ballo ora, non complicare ulteriormente la situazione a cui adattarsi.

Concedi all’adolescente un po’ di tempo da solo, per comunicare tramite Skype e videochat, non attivare la modalità di controllo rigoroso solo perché sei a casa e hai l’opportunità di farlo.

È importante non ignorare le emozioni e i sentimenti, sia tuoi che dei bambini. In questo modo il nuovo ritmo della vita non si trasformerà in un serio fattore di stress e la tua famiglia supererà questo scoglio con relativa facilità.